Cirrosi epatica

Cirrosi epatica e fiori di bach
Cirrosi epatica e fiori di bach

Nel linguaggio psicosomatico, richiama l’incapacità di metabolizzare la propria rabbia.
Ne soffrono persone alcolizzate, ma anche chi non ha mai toccato una goccia d’alcol.
Sono caratterizzati da furore e rabbia; come dice un detto popolare, “si mangiano il fegato”. Tendenzialmente, il soggetto che soffre di patologie epatiche, si è sentito trascurato nell’infanzia, messo da parte, dimenticato. Caratterizzato da un forte bisogno di legami e riferimenti, il soggetto non trova né riconoscimento, né appartenenza. Se ha fratelli e sorelle, ne è geloso o lo è stato; il detto popolare dice anche “giallo per la gelosia”. Il soggetto è dominato dalla sensazione di essere stato trascurato e che, per tenersi strette le persone, non deve farsi cogliere dalla rabbia. Dunque la soffoca dentro di sè. Anche nel corso della loro malattia, i pazienti di cirrosi epatica si sentono trascinati e senza nessuna attenzione. La gelosia e l’invidia che provano per il resto del mondo distorcono le percezioni e le relazioni con gli altri e ne limitano possibili azioni.

Lo stato d’animo a cui si fa riferimento per la cirrosi epatica è rappresentato dalle essenze H. e W. che riequilibrano la rabbia, l’invidia e la gelosia il primo, il rancore e il risentimento il secondo. Questi stati d’animo sono tendenzialmente manifesti, ma nel caso specifico vengono repressi per paura di rivivere un nuovo senso di abbandono. È tale e tanta l’energia negativa (la rabbia) non scaricata correttamente che si somatizza nel fegato. A. e C. P. possono aiutare a non implodere ulteriormente, permettendo così l’avvio del processo di guarigione dalla causa, portando la persona alla presa di coscienza delle proprie realtà latenti represse.

NOTA BENE: Questo testo è tratto dal libro Aleternativamente “funzioniamo” così, Eremon Edizioni, è privato e protetto da ©Copyright.
Leggete e condividete liberamente questo stralcio, avendo cura di non alterarla in nessuna sua parte, incluse le diciture iniziali e finali. E’ consentito inoltre trasmetterla solo gratuitamente a scopo informativo e non a scopo di lucro.

Donatella Su Whatsapp